15 ottobre, accendi una candela…

13 ottobre 2012 alle 1:56 pm | Pubblicato su Genitorialità, Gravidanza, SIDS | Lascia un commento
Tag: ,

L’associazione CiaoLapo onlus, che sostiene i genitori colpiti da lutto perinatale, tiene incontri anche a Modena. Per informazioni e contatti: modena@ciaolapo.it

Memory Box: un’indagine sull’assistenza nella morte in utero

7 novembre 2010 alle 11:51 am | Pubblicato su Appelli/Petizioni, Gravidanza | Lascia un commento
Tag: ,

Care mamme (e papà), riceviamo dall’associazione CiaoLapo e divulghiamo questo appello:

Se anche tu sei una madre colpita da morte endouterina partecipa alla ricerca nazionale “Memory Box” e aiutaci a fare chiarezza sulla assistenza alla morte in utero.

Perdere un bambino in gravidanza condiziona non soltanto la salute psicologica ed il benessere globale dei genitori, ma anche il rapporto dei genitori con i figli presenti e con le gravidanze ed i figli che verranno. La letteratura scientifica è concorde nel sottolineare che le gravidanze successive ad una perdita, soprattutto se dovuta a patologia fetale o a morte intrauterina, sono caratterizzate da elevatissimi livelli di ansia che compromettono anche la genitorialità ed il coinvolgimento relazionale con il bambino.

Tutto questo suggerisce la necessità di strutturare efficaci protocolli di prevenzione, nel tentativo di permettere ai genitori un buon percorso di elaborazione del lutto, evitando le ripercussioni della perdita sulla loro salute psichica e sulla “salute” delle successive gravidanze. Purtroppo nella maggior parte dei casi le donne dimesse dopo un aborto, un parto prematuro, o una morte intrauterina non trovano nella loro rete socio sanitaria il sostegno di cui necessiterebbero.

CiaoLapo Onlus promuove una raccolta di informazioni sulla assistenza ricevuta in caso di morte endouterina per mezzo del questionario “Memory Box” (Ravaldi, Minniti, Vannacci, 2008). L’obiettivo di questo questionario è raccogliere informazioni e opinioni sull’assistenza ricevuta al momento della diagnosi e del parto, con particolare attenzione a come la madre ha vissuto questa esperienza drammatica.
Il fine è capire se ci sono stati momenti, persone, comportamenti che sono stati di aiuto e al contrario se ce ne sono stati altri inutili o addirittura dannosi. Se ci sono state cose che a posteriori la madre avrebbe voluto venissero gestite diversamente, altre che avrebbe voluto e che invece non sono state fatte, o che non sono state proposte.
Al termine del Memory box è stata inserita la Scala del Lutto Perinatale da noi precedentemente tradotta e validata (Perinatal Grief Scale – Potvin, Lasker, Toedter, 1987. Versione italiana a cura di Ravaldi e Vannacci, CiaoLapo Onlus 2008)
Il questionario è anonimo e richiederà circa 10 minuti per la compilazione; possono partecipare tutte le madri colpite da morte endouterina a qualsiasi età gestazionale.

CiaoLapo Onlus ringrazia tutte le mamme che decideranno di partecipare alla nostra indagine. Ogni testimonianza è preziosa per migliorare l’assitenza all’aborto e alla morte endouterina nel nostro paese.

Per partecipare all’indagine è sufficiente cliccare questo collegamento: http://www.surveymonkey.com/s/memorybox
Qualsiasi ulteriore informazione può essere richiesta a info@ciaolapo.it

Grazie,

Claudia Ravaldi
Psichiatra Psicoterapeuta – CiaoLapo onlus

P.S.: passaparola…

Cinque volte al giorno – sulla morte intrauterina

19 settembre 2010 alle 3:50 pm | Pubblicato su Genitorialità, Gravidanza, Libri | 1 commento
Tag:

In Italia 5 gravidanze al giorno esitano con la morte naturale del bambino, spesso pochi giorni prima del parto. Circa 2000 famiglie all’anno subiscono questo lutto che può causare un profondo disagio psichico nei genitori. Raramente è malasanità e accanirsi a trovare un colpevole allontana l’assistenza dai genitori.

Leggi tutto il comunicato stampa dell’Associazione Ciao Lapo Onlus, che si occupa di gravidanza a rischio, salute perinatale e supporto psicologico al lutto.

Sulla perdita di un bambino nella pancia consigliamo anche il libro di Giorgia Cozza, Goccia di vita. Alex, piccola storia di un’attesa spezzata, Ave Edizioni. Lo consigliamo a tutte le mamme: a quelle che hanno vissuto questa terribile esperienza, e a quelle che hanno avuto la fortuna di non viverla. Perché parlare di questa perdita non sia più un tabù, perché chi l’ha vissuta non si senta anche solo e non compreso, oltre che disperato.

“Quando la perdita si intreccia con la nascita”

15 gennaio 2010 alle 11:31 pm | Pubblicato su corsi di formazione | Lascia un commento
Tag:

Si terrà a Modena nei prossimi giorni, il 18 e 19 gennaio, un corso di formazione per operatori dal titolo

“QUANDO LA PERDITA SI INTRECCIA CON LA NASCITA. Corso di formazione su sostegno e presa in carico degli esiti sfavorevoli in gravidanza”.
(Il programma completo è scaricabile qui)

La perdita di un bambino in gravidanza è un evento che lascia tracce molto profonde, ma che spesso non si condivide: la percezione è che nessuno possa comprendere un dolore così grande e intimo. Eppure è più diffuso di quanto si pensi; tante mamme che frequentano i nostri incontri hanno vissuto questa esperienza.

Siamo liete, dunque, che l’ASL modenese abbia organizzato questo corso per operatori sanitari.

18 ottobre: due appuntamenti importanti!

11 ottobre 2008 alle 7:44 am | Pubblicato su Allattamento al Seno | Lascia un commento
Tag: ,

Segnaliamo due eventi, entrambi interessanti per le mamme e per gli operatori coinvolti nella nascita-infanzia:

Mano nella mano
… per una rete di sostegno all’allattamento

Cesenatico, 18 ottobre

locandina e informazioni dal sito del MAMI

La morte perinatale tra ricerca e cura

Modena, 18 ottobre

a cura dell’associazione Ciao Lapo onlus

volantino informativo e adesione
da questa pagina


Blog su WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: