Consigli ai genitori sull’allattamento

22 novembre 2008 alle 3:18 pm | Pubblicato su Allattamento al Seno, materiali informativi | Lascia un commento
Tag:

Dalla rivista “Quaderni ACP” dell’Associazione Culturale Pediatri riportiamo una parte dell’articolo “Informazioni per aiutare un genitore e un bambino da 0 a 5 anni”, quella riguardante l’allattamento al seno. L’intero articolo è scaricabile qui.

Latte di mamma?

Sono un bambino, sono il tuo dono
prima non c’ero e adesso ci sono.
Sono il domani, dalle tue mani
devi difendermi con le tue mani.
Sono il futuro, sono arrivato
e sono qui perché tu mi hai chiamato.
Come sarà l’orizzonte che tracci
dipende da come mi abbracci.
(Bruno Tognolini)

mamma_unicef“Non c’è nulla di più bello dello stare nel pieno della notte in una stanza silenziosa con un bambino tra le braccia e guardarlo mentre succhia soddisfatto e ricambia il tuo sguardo”.

“Pensavo non ci volesse nulla se non metterla al seno e basta! Non immaginavo che ci fosse qualcosa da dover imparare o delle difficoltà. Per me le prime due settimane sono state scioccanti e faticose. Ero però determinata e volevo allattare e ora è una cosa favolosa!”.

Questi sono i pareri di due mamme alle prese con l’allattamento al seno.
Il consiglio più ovvio e fortemente condiviso, che riguarda l’allattamento al seno, è che il latte materno è l’alimento migliore e che allattare è una cosa estremamente piacevole e gioiosa, ed è la cosa migliore da fare per il tuo bambino. Tutto questo è sicuramente vero. Allattare al seno è il modo migliore per dare protezione al tuo bambino nei confronti di tante malattie. Il tuo bambino ha bisogno solo di latte materno fino a 6 mesi di vita. Nei primi 2-3 giorni dopo la nascita il tuo bambino potrebbe avere sonno e poca fame. Dal 3°-4° giorno di vita ed entro la prima settimana la produzione di latte aumenterà.
Se tieni bene in braccio il tuo bambino assumendo una posizione corretta, e se fai attenzione a farlo attaccare bene al seno in modo che prenda in bocca anche buona parte dell’areola del tuo seno (la parte scura intorno al capezzolo), il tuo bambino mangerà di più e tu produrrai più latte.

Il consiglio che possiamo darti è di lasciarlo libero di poppare quando vuole; non ci sono problemi di alcun genere nel fare questo. L’allattamento inizialmente può essere faticoso e sembrare difficile, ti potresti non sentire adeguata a nutrire il tuo bambino, e sicuramente sentirsi totalmente responsabile della sua crescita può essere un compito arduo. Non preoccuparti: queste sensazioni di inadeguatezza sono del tutto normali.
Diceva Winnicott, un pediatra del secolo scorso che ha contribuito molto alla crescita e alla formazione di tanti pediatri: “… amare è una faccenda complicata e non un semplice istinto, sarebbe d’aiuto comunicare alle mamme che può capitare di non provare immediatamente amore per i propri figli o di non sentirsela di
allattarli…”.

Il consiglio che ti possiamo dare è di chiedere sostegno, se sei in difficoltà, ad altre donne (mamme, nonne o associazioni che si occupano di allattamento) o all’ostetrica del consultorio o al tuo pediatra, e di avere fiducia nelle tue capacità.
Considera che alcuni bambini possono fin dalle prime poppate avere orari precisi, altri ci mettono tempo. Nelle prime settimane, quindi, potresti notare che il tuo bambino mangia a volte più a lungo, altre volte più spesso; cerca di seguirlo in questo “disordine”, cerca di rispondere a questi suoi bisogni. Una volta attaccato al seno, fai durare la poppata per quanto il tuo bimbo vuole; alcune mamme offrono dopo un po’ l’altro seno; non è però obbligatorio: puoi offrirgli l’altro seno alla poppata successiva.
Offrendo il tuo latte quando il tuo bimbo vuole, produrrai tanto latte. Certo all’inizio ti sembrerà di non poter fare nulla se non allattare e cambiare pannolini e ti ritroverai spesso con il seno scoperto.
Ricorda però che tutto questo dura poco; man mano che il tuo bimbo cresce, gli intervalli per poppare si allungheranno.
Considera poi che i bambini hanno dei momenti di crescita in peso maggiore intorno al 10° giorno di vita, a 6 settimane e a 3 mesi; in questi periodi il tuo bimbo potrebbe mangiare più spesso e chiedere più latte, la tua produzione di latte quindi aumenterà per rispondere a queste nuove necessità.

Ti chiederai: “Come faccio a sapere che cresce con il mio latte?”.
Questa è la domanda che assilla tutti i genitori perché il latte materno non si può dosare. Allora se il tuo bambino bagna regolarmente di pipì i pannolini (almeno 5 nella giornata), se cresce secondo la sua curva di crescita (e questo sarà il tuo pediatra a valutarlo ai bilanci di salute dei primi mesi di vita) e se il tuo bimbo durante la giornata ha dei momenti di veglia in cui si mostra vivace e attento, allora non preoccuparti.

(Da: “Informazioni per aiutare un genitore e un bambino da 0 a 5 anni”, di Stefania Manetti, pediatra, e Antonella Brunelli, pediatra. Quaderni ACP 2008; 15(5): 226-227. La rivista Quaderni ACP è consultabile e scaricabile da www.quaderniacp.it)

Annunci

Lascia un commento »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: